Concerti d’Agosto 2018 – Agricantus in forma “conviviale” ed in concerto

Agricantus in concerto 2016

Akoustikòs tour – agosto 2018

Agricantus“Akoustikòs” è il nostro nuovo progetto artistico che si è sviluppato con il recente incontro con Anita. La narrazione dei nostri viaggi si è sempre dipanata attraverso canzoni intrise di luoghi, genti, atmosfere, e questo ulteriore “viaggio”, sebbene concepito in una dimensione apparentemente intimista, lo abbiamo voluto intendere in senso energico ed evocativo al tempo stesso.
In questa occasione, al posto di strumenti e timbri elettronici, elementi che da sempre hanno fatto parte della nostra ricerca musicale, abbiamo preferito usare legni, corde, canne, tavole armoniche, voci, elaborarando così un suono naturale in una dimensione pura ed espressiva.
Un rinnovato omaggio ai popoli nomadi di tutti i continenti, attraverso uno sguardo, un ascolto ed un sentimento di chi vive su un’isola simbolo di incroci culturali millenari.

Il primo appuntamento, il 10 agosto, è un evento speciale per il festival “Alturestival 2018”. Un incontro con Pasquale Scimeca e noi che racconta i rispettivi apprrocci alla narrazione non verbale della nostra terra, della nostra storia e dei popoli del mondo.

venerdì 10 agosto

h 12,00
Piano Battaglia
Rifugio Marini
Altuestival 2018
Incontro conviviale con Pasquale Scimeca e gli Agricantus sul rapporto tra la musica, il Cinema, la terra e la storia

sabato 11 agosto

h 19.00
Castellaccio a Monte Caputo – San Martino delle Scale – Monreale (PA)
Alturestival

lunedì 13 agosto

ore 21,30
Teatro Pineta Comunale
Petralia Sottana (PA)
Estate a Petralia Sottana

martedì 21 agosto

ore 21,30
San Simone (TA)

mercoledì 22 agosto

ore 21,30
Caffè Letterario
Taranto

giovedì 23 agosto

ore 21,30
Piazza del Comune
Caulonia (RC)
Tarantella Fest 2018

 

Share : facebooktwittergoogle plus

Agricantus & Focu

Agricantus & Focu

evento speciale per

“Future”
XI Edizione
Teatro del Fuoco, International Firedancing Festival

31 luglio 2018
ore 21,15
Chiesa Santa Maria dello Spasimo
Palermo

Agricantus & Focu

Potenza, immaginazione, incanto e seduzione. La XI Edizione del Teatro del Fuoco, International Firedancing Festiva,  moltiplica i suoi show ed aggiunge impegno sociale e nuove forme d’intrattenimento agli splendidi scenari siciliani per la settimana dal 31 luglio al 5 agosto in Sicilia. Agricantus apre il festival.

Grande originalità e innovazione per un festival irrinunciabile dell’estate siciliana che da 10 anni si conferma una valida offerta, per i turisti e gli amanti della cultura ed i tanti ammiratori del Teatro del Fuoco, con nuovi panorami culturali ed esibizioni mozzafiato che lo hanno definito uno dei 12 appuntamenti per cui vale la pena fare un viaggio.

Per la prima volta, si devolve parte dell’incasso per il benessere dei bambini in trattamento oncologico – afferma Amelia Bucalo Triglia, direttrice artistica del Festival -, si infiammano gli animi con la musica degli Agricantus abbinando il concerto live alla danza con il fuoco, si iniziano affascinanti tour sui Misteri del Fuoco alla scoperta di Palermo e si coniuga la seduzione delle fiamme alla rinascita di Gibellina. Mettiamo in connessione la maestria di performer internazionali ad una moltitudine di abilità ed eccellenze locali. L’obiettivo è sempre intrattenimento di qualità per la promozione turistica”.

Il primo appuntamento dell’XI edizione del Teatro del Fuoco, international Firedancing Festival è lo spettacolo “Agricantus e Focu” martedì 31 luglio alle 21,15. Il fascino della danza del Teatro del Fuoco si fonde all’armonia di Agricantus nella scenografia suggestiva del complesso monumentale di Santa Maria dello Spasimo di Palermo, Città Capitale Italiana della Cultura 2018.

Foto Campagna XI Edizione 2018Un racconto per suoni e immagini si evolve dal passato ai ritmi serrati della modernità legandosi alle linee sinuose e seducenti del fuoco. Sotto il cielo stellato dell’estate palermitana, i brani dell’ultimo lavoro “Akoustikòs” Agricantus, saranno suonati e cantati da Anita Vitale, Mario Crispi, Mario Rivera e Carmelo Graceffa, avvolgendo il pubblico in un’atmosfera incantata alla luce crepitante del fuoco.

Da appunti presi per la conferenza stampa del 16 luglio avvenuta a Palazzo delle Aquile a Palermo:

“Dei quattro elementi primordiali il fuoco ha sempre rappresentato per noi sia la “passione” verso un linguaggio altamente simbolico quale è la musica, sia “l’anima”, elemento che ci ha sempre proiettato verso una dimensione umana superiore. Quando si è prospettata l’opportunità di un incontro artistico con il Teatro del Fuoco, è nata immediatamente in noi la curiosità di ricercare il filo rosso che unisse le nostre sonorità, melodie ed atmosfere con la fisicità degli artisti della Compagnia, di venire ispirati dalle molteplici evocazioni suscitate dall’arte di manipolare il fuoco e di renderlo “espressivo”. Una sfida che, fin dal primo momento, avrebbe comunque comportato una trasposizione continua dei simboli ancestrali ed atavici contenuti nelle nostre musiche, da una forma eterea ed impalpabile ad una multisensioriale, data da sensazioni termiche e visive, da gesti e da rituali immaginari derivanti. Tale stimolo ha fatto si che scaturisse per noi un nuovo “viaggio”, come quello al Centro della Terra di un Jules Verne rinnovato, verso il nucleo fuso del suo cuore, fatto appunto di fuoco, calore e fluidità. Un magma pronto a uscire in superificie, come quello di un vulcano attivo, ben conosciuto dalle nostre parti. Un’immagine che, trasferita in termini espressivi, ha comportato un percorso sonoro e visivo, ricco di elementi primari e mitologici nel senso puro del termine, come in un ritorno ad una dimensione primitiva e tribale. Al tempo stesso, consci delle diverse sensibilità artistiche degli attori in campo, ci siamo messi a disposizione per essere anche noi, a nostra volta, fonte di ispirazione agli artisti del fuoco e far si che il nostro “suono” si trasformasse in

 

nuovi gesti, azioni scandite da nuovi ritmi ed accenti. Da questa interazione, apparentemente estemporanea, nasce la “narrazione” di “Agricantus e Focu “, uno spettacolo che reinterpreta momenti musicali tratti dal repertorio del gruppo e che ne restituisce, contemporaneamente, una lettura atemporale.”

Il Festival inserito nel calendario Grandi eventi della Regione Sicilia ed in Palermo Città della Cultura, ha il patrocinio del Comune di Palermo.

Il biglietti, a partire da 15 euro possono essere acquistati tramite www.circuitoboxofficesicilia.it e www.fodazioneorestiadi.it e rispettive rivendite autorizzate. I giorni degli spettacoli presso le biglietterie con i posti a

foto FIre & Light HQ

ncora disponibili. I tour sono prenotabili solo attraverso www.teatrodelfuoco.com

Per gli show e i tour Teatro del Fuoco a Palermo sono disponibili bus gratuiti, offerti dall’Amat, con partenza da piazza Europa due ore prima dell’appuntamento.

 

 

 

 

 

 

 

Share : facebooktwittergoogle plus

Concerti primavera 2018

Agricantus live 2017

Agricantus in concerto –

Akoustikòs tour

Agricantus“Akoustikòs” è il nostro nuovo progetto artistico che si è sviluppato con il recente incontro con Anita e che ci ha visto dipanare la nostra narrazione dei nostri viaggi attraverso le nostre canzoni intrise di luoghi, genti ed atmosfere.
Un ulteriore “viaggio” quindi, concepito in una dimensione intimista ma al tempo stesso energica ed evocativa.
Strumenti e timbri elettronici, elementi che da sempre hanno fatto parte della nostra ricerca musicale, in questa occasione si integrano al suono naturale fatto di legni, corde, canne, tavole armoniche, voci, vissuti in una dimensione pura ed espressiva.
Il nostro omaggio ai popoli nomadi di tutti i continenti attraverso lo sguardo, l’ascolto ed il sentimento di chi vive su un’isola simbolo di incroci culturali millenari.

mercoledì 28 marzo

h 21,30
Reggio Calabria
Hall del Grande Albergo Miramare
Festival Horcinus Orca

 

venerdì 25 maggio

“Factory InFunzione”
Lanificio Luciani – Via di Pietralata 157
Roma
h 19.00: Prove aperte
h 21,30: concerto

domenica 27 maggio

ore 11,30
Roma
Teatro Villa Pamphilj
Festival Popolare Italiano

 

Share : facebooktwittergoogle plus

Agricantus in concerto a Gangi, Borgo d’Italia 2015

Agricantus2016Gli Agricantus, dopo l’acclamato  concerto del 3 agosto a Santa Lucia del Mela, sono nuovamente in Sicilia con un concerto a Gangi (Madonie) previsto il 13 agosto a Piazza San Paolo alle ore 22,00 in occasione della Sagra della Spiga, organizzata come ogni anno dall’Amministrazione Comunale.

Dopo la scrittura della colonna sonora del film  Felicia Impastato  ed in attesa della pubblicazione del nuovo disco la band torna sul palco con la gioia di condividere il proprio progetto nella dimensione “live” con il proprio pubblico. Tanti i brani in repertorio: da quelli tratti dal loro ultimo album “Turnari” a quelli tratti dal repertorio storico  (i più famosi: Istanbul Uyurken, Ciavula, Li Vuci ri l’omini, Carizzi r’amuri et.) o a quelli di nuova creazione nati con la recente colonna sonora.

Gli Agricantus, guidati da Mario Crispi e Mario Rivera (fondatori del gruppo), saliranno sul palco con la loro formazione del 2016, Maria Alessandra Piroddi, alla voce solista, Giovanni Lo Cascio, alla batteria e percussioni e con gli ospiti speciali Enzo Rao al violino ed oud elettrici e Massimo Laguardia, ai tamburi.

L’ingresso è libero e l’inzio del concerto è previsto per le ore 21,30

Share : facebooktwittergoogle plus

Agricantus in concerto – 3 agosto 2016 Santa Lucia del Mela (ME)

Agricantus in concerto

Agricantus in concerto

Gli Agricantus riprendono la loro attività concertistica con un concerto a Santa Lucia del Mela previsto il 3 agosto a Piazza Milite Ignoto in occasione della Festa della Madonna della Neve, organizzata come ogni anno dall’Amministrazione Comunale.

Dopo la scrittura della colonna sonora del film  Felicia Impastato  ed in attesa della pubblicazione del nuovo disco la band torna sul palco con la gioia di condividere il proprio progetto nella dimensione “live” con il proprio pubblico. Tanti i brani in repertorio: da quelli tratti dal loro ultimo album “Turnari” a quelli tratti dal repertorio storico  (i più famosi: Istanbul Uyurken, Ciavula, Li Vuci ri l’omini, Carizzi r’amuri et.) o a quelli di nuova creazione nati con la recente colonna sonora.

Gli Agricantus, guidati da Mario Crispi e Mario Rivera (fondatori del gruppo), saliranno sul palco con la loro formazione del 2016, Maria Alessandra Piroddi, alla voce solista, Giovanni Lo Cascio, alla batteria e percussioni e con gli ospiti speciali Enzo Rao al violino ed oud elettrici e Massimo Laguardia, ai tamburi.

L’ingresso è libero e l’inzio del concerto è previsto per le ore 21,30

Share : facebooktwittergoogle plus

Agricantus in “Un canto per le Madonie”

Agricantus - Locandina Un Canto per le Madonie

Agricantus aderisce alla campagna contro la chiusura del punto nascite dell’Ospedale di Petralia Sottana.

Sabato 2 aprile 2016
Teatro Grifeo
Petralia Sottana (Palermo)

ore 21,30

Agricantus -  Locandina Un Canto per le Madonie

Con questo nostro coinvolgimento vogliamo rivolgerci nuovamente ai luoghi montani della provincia di Palermo.

Questi luoghi, pur sorgendo in posti incantevoli, ricchi di storia, di tradizioni e cultura, continuano però a vivere ancora tra mille difficoltà, nuova emigrazione e conseguente impoverimento demografico. Il recuperare la memoria storica di un luogo anche attraverso una canzone è per noi una maniera per sottolineare l’importanza della lotta, della solidarietà e dell’attaccamento ad una sana filosofia del lavoro della terra, per la terra e con la terra: visione di una vita per sua natura stessa antimafia. Questo tipo di consapevolezza si spinge quindi oltre un’apparente dimensione locale, come del resto ogni lotta per una vita migliore o per un diritto negato, divenendo così stimolo positivo anche per affrontare con un occhio diverso le nuove problematiche internazionali che esigono la solidarietà tra gli uomini al primo posto.

Ed in questo momento problemi come la sopravvivenza di un ospedale (come nel caso di Petralia o di altre zone periferiche della Sicilia) divengono spunto di riflessione per definire quale società o quale mondo si intende costruire se poi se ne nega il supporto nei suoi punti più delicati come nel diritto alla cura dei suoi abitanti.

Share : facebooktwittergoogle plus

1 2 3
Translate »